Confagricoltura Vicenza

Agricoltori.com

COMUNICATI STAMPA

  • 03 ottobre 2011. FABBRICATI RURALI: SIAMO PRONTI A PROMUOVERE UNA CLASS ACTION

    CENTINAIA DI MIGLIAIA DI AGRICOLTORI NON HANNO POTUTO RISPETTARE IL TERMINE DEL 30 SETTEMBRE PER LE DOMANDE DI VARIAZIONE DELLE CATEGORIE CATASTALI

    “Non ho rispettato il termine del 30 settembre per la presentazione delle domande di variazione delle categorie catastali dei fabbricati rurali. Sì, sono colpevole e, come me, centinaia di migliaia di agricoltori rei di non essere stati messi nelle condizioni di adempiere alle disposizioni di legge”. L’autodenuncia è del presidente di Confagricoltura Mario Guidi.
    Nei giorni scorsi Confagricoltura aveva sollecitato più volte il governo di prorogare il termine ultimo, considerato l’esiguo tempo a disposizione concesso agli agricoltori. “La nostra richiesta urgente non è stata presa in considerazione ed oggi - sottolinea Mario Guidi - ci troviamo nella situazione che la gran parte degli agricoltori non ha potuto assolvere ad un preciso obbligo di legge”.
    “Mi autodenuncio - commenta il presidente di Confagricoltura - ma non ho intenzione di subire le conseguenze della mancata presentazione della domanda per il riconoscimento della ruralità dei miei immobili. Il decreto ministeriale di attuazione, con la complessa ed inadeguata modulistica, è stato pubblicato solo il 22 settembre. Ricordo che le procedure di garanzia fissate dallo Statuto del contribuente prevedono un intervallo temporale di 60 giorni prima dell’applicazione dei provvedimenti di attuazione previsti dalla legislazione tributaria”.
    “L’unico risultato ottenuto con la mancata proroga - prosegue Guidi - è di avviare un contenzioso con la Pubblica Amministrazione, che non fa bene allo Stato e non fa bene alle imprese, aggravando il già pesante carico burocratico che le opprime”.
    Confagricoltura si impegna sin d’ora ad assistere gli agricoltori che dalla violazione dello Statuto del contribuente, subiranno un danno ingiustificato, anche promuovendo azioni collettive (class action) per contrastare ingiustificate richieste di pagamento da parte delle Amministrazioni competenti”.

  • 28 settembre 2011. FABBRICATI RURALI: CONFAGRICOLTURA CHIEDE LA PROROGA

    Confagricoltura, in occasione della riunione del Comitato Direttivo di questo pomeriggio, ha ribadito oggi la richiesta avanzata nei giorni scorsi, per una proroga del termine relativo alla presentazione delle domande di variazione delle categorie catastali dei fabbricati rurali, fissato al 30 settembre 2011.

    “E’ una richiesta urgente ed ormai assolutamente indifferibile - ha detto il presidente di Confagricoltura Guidi - che abbiamo affidato al Governo ed al mondo politico, considerato l’esiguo tempo a disposizione concesso agli agricoltori dopo l’emanazione del decreto ministeriale di attuazione pubblicato solo il 22/09/2011”.

    L’intervento legislativo di proroga del termine - commenta Palazzo della Valle - trova, altresì, la sua giustificazione nel rispetto delle procedure di garanzia fissate dallo Statuto del contribuente, che assicura un intervallo temporale di sessanta giorni prima dell’applicazione in concreto dei provvedimenti di attuazione previsti dalla legislazione tributaria (art. 3 II comma L. 212/2000).

    Confagricoltura si impegna sin d’ora ad assistere gli agricoltori che dalla violazione dello Statuto del contribuente, subiranno un danno ingiustificato.

  • 01 agosto 2011. Vendemmia 2011

    VINO: LA VENDEMMIA CORRE MA L’ITALIA E’ FERMA. OCCORRE PUNTARE SU EXPORT E INTERNAZIONALIZZAZIONE

    leggi articolo - download pdf
  • 24 giugno 2011. G20: “UN PASSO IMPORTANTE PER PRODUZIONE, STABILITA’ DEI PREZZI E SICUREZZA”

    “Esprimiamo soddisfazione per i risultati del G20 agricolo conclusosi oggi a Parigi che ha approvato il ‘piano d’azione’ sulla volatilità dei prezzi alimentari e l’agricoltura cui ha anche contribuito la delegazione italiana guidata dal ministro Romano.”
    Ha commentato così il presidente di Confagricoltura Mario Guidi la dichiarazione del vertice parigino aggiungendo: “Confidiamo che molte delle iniziative proposte si tradurranno in azioni concrete già nella seconda metà del 2011 secondo il calendario allegato alla dichiarazione finale. Ciò a partire dalla necessità di cogliere il primo obiettivo del ‘piano’ e cioè l’aumento della produzione e della produttività agricola, nel breve e nel lungo termine, per rispondere alla domanda crescente di commodity agricole.”
    “Di estremo interesse – ha proseguito Guidi - anche il tema delle politiche e della governance mondiale per la sicurezza alimentare, per dare fiducia ai mercati e rispondere adeguatamente alla volatilità dei prezzi ed alle situazioni di crisi. Temi, questi, che stanno particolarmente a cuore ai nostri agricoltori.”

  • 22 giugno 2011. ESAMI DI MATURITA’: “SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO?”

    LA TRACCIA DI ITALIANO PIACE AI GIOVANI DI CONFAGRICOLTURA. “SIAMO QUELLO CHE PRODUCIAMO NELLE CAMPAGNE, QUALITA’, SALUBRITA’ E AMBIENTE”

    “Siamo quello che mangiamo?” I maturandi nel saggio breve per la prova di italiano si sono interrogati su questo dilemma. “Noi risponderemmo di sì - dice senza esitazione l’Anga, l’Associazione che riunisce i giovani di Confagricoltura - siamo d’accordo con il filosofo Ludwig Feuerbach, siamo quello che mangiamo perché siamo situati all'interno della natura”.

    “La traccia di italiano alla maturità è un argomento che ripropone con forza il tema dell’alimentazione e della sostenibilità - confermano i Giovani di Confagricoltura -. Cibarsi, necessità primaria dell’uomo, è intimamente legato con la produzione delle campagne, con un modello produttivo adeguato ai nostri tempi, che sia attento alla qualità, alla salute, all’ambiente”.

    “La traccia della maturità strettamente correlata all’agricoltura, unita alla crescita delle iscrizioni alle facoltà di Agraria, è una bella presa di coscienza del ruolo economico e sociale del nostro settore - conclude l’Anga -. La campagna italiana è antica, “naturale”, scandita da ritmi millenari, ma al tempo stesso modernissima per l’innovazione e la competizione sui mercati. "

  • 13 giugno 2011. REFERENDUM

    IL PAESE CHIEDE DI PUNTARE CON DECISIONE SULLE FONTI RINNOVABILI. OCCORRE UNA POLITICA PER LE ACQUE

    leggi articolo - download pdf
  • 08 giugno 2011. ALLARME BATTERIO E.COLI

    I PRODUTTORI DI ORTOFRUTTA PAGANO PER L’INCAPACITA’ DI BERLINO E BRUXELLES. L’ITALIA ALL’AVANGUARDIA NELLA GESTIONE DEL RISCHIO ALIMENTARE.

    leggi articolo - download pdf
  • 01 giugno 2011. BATTERIO KILLER IN GERMANIA.

    IN DIFFICOLTA’ L’EXPORT DI ORTOFRUTTA ITALIANA. GIA’ SI CONTANO I DANNI
    Confagricoltura teme le ripercussioni dovute al batterio E.Coli riscontrato in Germania di cui non si è certi che la fonte di infezione siano i cetrioli.

    leggi articolo - download pdf